10 ago 2015

Il Camino Barbaria, una via dimenticata

Pur se ha dimensioni contenute e la roccia non è ovunque solidissima, sul Becco di Mezzodì (detto anticamente Sasso di Mezzodì, "ra Zieta"), che fu la meridiana dei valligiani antichi, in pratica sono stati scalati ogni camino, diedro, fessura, parete o spigolo. 
Dal 1872, quando Santo Siorpaes Salvadór scoprì la chiave per la cima accompagnandovi il cliente W.E. Utterson Kelso, fino al 2009, quando Carlo Alverà e Federico Svaluto hanno superato il grande tetto che sporge sul lato NO, sono almeno una ventina le vie e le varianti tracciate sulla vetta, che fa da confine fra Cortina e il Cadore, un tempo era una meta "à la page" e oggi non patisce certo di eccessiva congestione. 
Una delle sue vie, però, ha avuto una certa notorietà ai primi del Novecento: il Camino Barbaria. Fino al 1908, infatti, l’offerta del Becco si limitava soltanto alla via originaria; il 19 agosto di quell'anno raddoppiò, con la salita del camino nord-ovest. Il camino, di difficoltà piuttosto sostenute per l’epoca, fu percorso dalle guide Bortolo Barbaria Zuchin (che amava salire i camini delle Dolomiti, e ha lasciato il suo nome almeno a tre) e Giuseppe Menardi Berto, uno degli oltre centotrenta ampezzani deceduti in tempo di guerra, con i clienti veneziani Francesco Berti e Lodovico Miari. 
Becco di Mezzodì. Il Camino Barbaria sale
fra il sole e l'ombra (foto I.D.F., 2014)

Correggendo un errore ripetuto per decenni, che posizionava la prima salita al 2 settembre 1908, ho scoperto sul libro di vetta che quel giorno invece sul Becco i primi salitori del camino non c'erano, essendo passati due settimane prima. La seconda salita del Barbaria si deve alle guide Antonio Dimai Deo e Agostino Verzi Sceco con le sorelle Ilona e Rolanda von Eötvös, il 31 luglio 1909; il 7 agosto 1910, infine, il ventenne Federico Terschak e A. Mayer compirono la prima salita senza guide, e due settimane dopo la giovane guida fassana Francesco Jori effettuò la prima ascensione solitaria.
Il camino, che fino al settembre 1914 contava circa venticinque ripetizioni, manca in tutte le raccolte di scalate dolomitiche di livello classico. Chi sale oggi sul Becco, credo lo faccia quasi soltanto per l'antica via di Siorpaes e Kelso, che riassume in sè e chiude la storia ultra centenaria di una montagna bella e dimenticata.

Ritorno al Salzla, o Monte di Tesido

Domanda: quanti sono gli escursionisti, specie di lingua italiana, che spesso neppure conoscono i Gsieser Berge-Monti di Casies, cui possa ...