22 giu 2015

La Cima NE di Marcoira, una meta curiosa

Oggi invito a scoprire una montagna che si vede bene da una strada trafficata: dai dintorni del Passo Tre Croci. Molti appassionati sono certamente passati almeno una volta ai suoi piedi, ma altrettanti non l’hanno salita: è la Cima NE di Marcoira, o Malquoira (2422 m), penultimo rilievo della diramazione  "ampezzana" del Sorapìs. 
Verso Tre Croci la Cima presenta belle pareti e spigoli, mentre a sud scivola con un grande pendio erboso nel Ciadin del Loudo, dove passa il sentiero che da Faloria porta al Lago del Sorapis. Nota in passato per le visite di famosi scalatori (Casara, Castiglioni, Del Torso) la Cima ha una via normale breve e poco difficile, piacevole per ambiente e panorama. 
Dal Passo Tre Croci, presso l'Hotel tristemente chiuso e abbandonato, infilate la stradina numero 213. Dopo un tratto in piano, salite più ripidamente nel bosco, finché la strada gira con una curva netta a sinistra. Da qui è meglio continuare sul sentiero fino ad un pianoro verde (Tardeiba), dominato dalla Cesta, o Zesta, caratteristica per le sue singolari stratificazioni rocciose. 
Ancora un tratto in salita e poi, seguendo le indicazioni, prendete a sinistra il sentiero 216, e risalite per circa 30 minuti un profondo canale roccioso, rinforzato dal Cai Cortina con travi di legno. Il canale termina sulla Forcella Marcoira, fra la Cima SO di Marcoira, gemella della nostra, più alta di 6 metri e ancor meno nota, e le due Cime Ciadin del Loudo, sconvolte di recente da una grande frana. 
In Forcella Marcoira (foto E.M.)
Dalla forcella inizia la via normale, che impegnerà per un'altra mezz'ora. Seguendo tracce sul pascolo piegate a destra, superate con un minimo di attenzione alcuni impluvi ghiaiosi che ogni anno cambiano forma e profondità e mirate a una forcella senza nome, dalla quale ha origine il canale che separa le due Cime di Marcoira. Da qui, prima in diagonale e poi diritti scegliete la linea migliore lungo il pendio erboso, molto ripido ma non difficile, e dopo circa due ore e mezzo da Tre Croci guadagnerete l'agognata Cima NE di Marcoira. 
In cima (foto E.M.)
Lassù vi attendono una rustica croce e un ometto, sotto il quale c'è il libretto per le firme, posato per la prima volta da chi scrive nell'autunno '99. Seduti sul magro verde, dove da da molti decenni non arrivano più a brucare le pecore, godetevi un bel panorama verso i Cadini, il Cristallo, Misurina, le Marmarole, il Piz Popena, il Sorapis, le Tre Cime. 
Per tornare, fate al contrario la via di salita; se a qualcuno il pendio erboso sembrasse troppo ripido, potrà tenersi sulla destra orografica (verso la Forcella), dove alcune roccette e un ghiaione possono agevolare la discesa. 
Da Forcella Marcoira tornate sui vostri passi o, avendo voglia e tempo, attraverso il Ciadin del Loudo aggirate la Cima omonima e calate al Rifugio Vandelli, dove vi potrete concedere la birra prima di scendere a Tre Croci, completando un bell'anello di circa cinque ore. 
Se nell’ultimo tratto di salita, sul quale penso che una eventuale scivolata potrebbe dare alquanto fastidio, dovesse esserci erba bagnata o neve, forse è meglio fermarsi e ammirare la cima dal Ciadin del Loudo!

Punta Fraio, una cima senza vie?

Tra le cime che abbracciano Cortina, non tutte conosciute e frequentate allo stesso modo, ne risalta una, che secondo la guida delle Dolomi...