08 apr 2015

Sulla Torre Falzarego, in ogni stagione

Fin da domenica 11 aprile 1976 - quando vi feci la quarta salita della mia vita - ho percorso svariate volte, in ogni stagione e anche in condizioni invernali, la "Direttissima Scoiattoli" sulla parete SE della Torre (Piccola di) Falzarego. 
Aperta dagli Scoiattoli Luigi Ghedina Bibi (1924-2009), Albino Michielli Strobel (1928-64) e Arturo Zardini Tamps (1931-89) il 6 giugno 1954, la via sale nel centro della parete con difficoltà classiche e nel tratto finale s'impenna con una cordata d'impegno sostenuto che, però, percorremmo una sola volta. 
C'è, infatti, anche la vigliacca possibilità di schivare la ripida parete sotto la punta, uscendo a destra verso l'incassata forcella che separa le due Torri e dà inizio al canale di discesa, oppure obliquando a sinistra per congiungersi alla consumata Via delle Guide, soluzione che scegliemmo quasi sempre. 
Torre Piccola e Torre Grande di Falzarego, versante sud
Se forse non riusciremo mai a sapere il nome del primo che si cimentò in solitaria su quella via, sempre battuta in grazia della solida dolomia, della ottima esposizione al sole, delle protezioni abbondanti e sicure e della vicinanza delle Torri a un parcheggio e un ristorante, sappiamo invece chi la percorse per primo d’inverno. 
Da una vecchia Rivista Mensile del Cai, infatti, ho rilevato che il primo ad avventurarsi nella stagione invernale sulla "Direttissima Scoiattoli" fu proprio uno di loro, Guido Lorenzi dai Pale (1929-56), con un cliente, o un compagno, ignoto. 
La salita fu realizzata in un paio d'ore a San Giuseppe del 1956, due giorni prima della fine della stagione e pochi mesi prima che lo Scoiattolo e guida Lorenzi soccombesse per i postumi di un incidente sul lavoro. 
Se il 20 aprile fosse considerato ancora inverno, un'invernale sulla "Direttissima" la portai a termine anch'io, giusto tre decenni fa, con Ivano e Roberto. Magari se la ricorderanno anche loro, non fosse altro che per le risate che ci facemmo durante la discesa lungo il canale stracolmo di neve!

Croda Rotta, montagna da evitare?

E’ un risalto, né molto ardito né armonico, che conclude lo sperone a ovest della Punta Nera: già il suo nome, Croda Rotta, funge da bel bi...