02 mag 2013

Per Luca, da Ernesto e Iside


Non è facile scrivere di un amico scomparso in montagna senza incappare nei consueti luoghi comuni di cui spesso abusano le cronache: vorremmo evitarlo, chiedendo solo poche parole al nostro cuore. Luca di Udine, che la “Grande Vergine”, nelle Alpi Giulie, ha voluto tenere con sé proprio il giorno del suo 43° compleanno, è stato un amico; di un’amicizia nata per mail e consolidatasi con telefonate, lettere, incontri sia in città sia in mezzo alle crode. 
Ci siamo trovati insieme solo sulla Croda de r'Ancona e a Malga Ra Stua, nelle Dolomiti Ampezzane, ma un filo sottile ci ha legato per anni. La  notizia della disgrazia c’è giunta da Treviso, mentre viaggiavamo verso il santuario mariano più noto dell’Europa dell'Est, impedendoci di rendergli l’ultimo saluto e avere la dedica sul suo secondo libro (cui avremmo tenuto), ma dandoci l’occasione per una preghiera particolare e, ebbene sì, per una lacrima. 
Davanti agli occhi e nelle orecchie abbiamo ancora il suo sguardo un po' malinconico, la sua voce, i fervidi discorsi di montagna e libri che facemmo lungo le nostre strade, vicine ma dirette a destinazioni distinte; lui alpinista affermato e iperattivo in ogni stagione, in preda ad un furore quasi dionisiaco, noi inclini a goderci un alpinismo pacioso, paghi di un quarantennio di fortunate avventure, rivivendo le crode nella scrittura, lettura e fotografia e invitando un po' “kugyanamente” altri a ripetere le nostre scoperte o a farne di nuove. 
Alla mesta notizia della perdita forse potremmo aggiungere tante cose (o anche nessuna): non ce la sentiamo, non vogliamo inoltrarci a cercare quel “Perché?” che solo lui conosce. 
Ci stringiamo alla sua Alessia in un abbraccio; a Luca auguriamo che dal vertice di una delle mille cime di roccia, di ghiaccio, d'erba che ha calpestato in ogni stagione, sorrida oltre le nuvole a tutti noi, che oggi ci sentiamo un tantino più poveri.

Sullo Spalto di Col Bechéi, una cima senza cima

Il nome "Spalto" (più diffuso al plurale, "Spalti") di Col Bechéi, che identifica una zona famosa per le vie di scalata...