09 lug 2012

40 anni della via ferrata Olivieri sulla Punta Anna

Proprio quarant'anni fa, domenica 9/7/1972, s’inaugurava la nuova via ferrata sulla Punta Anna delle Tofane, costruita per iniziativa della guida Luigi Ghedina Bibi, proprietario e gestore del sottostante Rifugio Pomedes, e dedicata all'alpinista veneziano Giuseppe Olivieri. 
L’itinerario, piuttosto impegnativo poiché munito solo di corde metalliche, costituisce una variante migliorativa della via ferrata alla Tofana di Mezzo. Esso ne rimpiazza il tratto originario, ritenuto poco interessante, che dal piede delle rocce saliva sulla Punta per cenge, canali e salti a destra della cresta; raggiunge la sommità per l’aereo e  panoramico spigolo SE e riprende parte della via di roccia aperta sulla parete E della cima nel 1943.
Tofana di Rozes, Punta Anna e Tofana di Mezzo
dal Bèco d'Aial, agosto 2008
Dalla Punta, che può bastare anche come meta a sé stante, si può scendere al Rifugio Giussani per una cengia attrezzata e poi per ghiaie, restare in cresta fino al Busc de Tofana, da cui si raggiunge la stazione di Ra Vales della funivia o il Rifugio Giussani, o ancora  proseguire fino in Tofana.
Lo scrivente, all’epoca poco meno che quattordicenne, era presente con il padre e un suo collega all’inaugurazione della ferrata, e ricorda bene la scivolata del Parroco-Decano di allora Mons. Angelo Dapunt su una ripida lingua di neve che resisteva ai piedi della parete, prontamente arrestata da due guide di Cortina presenti alla cerimonia.
Con le stesse guide in testa e in coda alla piccola comitiva, percorsi poi la ferrata, giungendo in vetta con l’emozione che solo un ragazzo di quattordici anni può provare e chiudendo la giornata al Rifugio Giussani, inaugurato ufficialmente due mesi più tardi.

Pala Perósego, dove non è difficile trovarsi soli

Settembre 2000: parto da solo dal Passo Tre Croci per andare a vedere come sia la Pala Perósego, cima di scarso rilievo che sorge al termin...