18 apr 2012

Era d'inverno, sul Monte Verzegnis ...

Era d'inverno, sul Monte Verzegnis ...
6 gennaio 1986
Forse nessuno, o quasi, fra coloro che seguono questo blog saprà individuare tre protagonisti della foto a fianco, una delle poche che conservo d'una gita in compagnia sulle Prealpi friulane, risalente ormai a diversi anni orsono.
Da sinistra: il secondo è Andrea di Aiello del Friuli, poi c’è Paolo di Crauglio (San Vito al Torre), e infine Gianni, il capogita, anch'egli di Aiello. Il primo è il sottoscritto, al tempo obiettore di coscienza nella Bassa Friulana, e la foto ricorda la via normale del Monte Verzegnis da Sella Chianzutan, portata a termine con buon impegno il giorno dell’Epifania 1986.
Di quella giornata fredda e faticosa conservo alcuni flash: ricordo soprattutto la sensazione di fratellanza e condivisione dell’”impresa” che pervase il nostro gruppo durante la salita, e ce la fece poi ricordare e rievocare diverse volte.
In quella giornata, più adatta a starsene a casa sul divano che non a "cercar notte" tra la neve, fummo sempre soli, in un ambiente freddo e nebbioso circondato da un silenzio ovattato; salimmo una montagna estranea a grandi imprese, dove d’estate forse si giunge anche in MTB, ma a noi richiese piccozza, ramponi e la corda su un tratto di cresta delicata ed esposta.
Ricordo il 6 gennaio sul Verzegnis come un'avventura giovanile di quelle che ti riempiono gli occhi e il cuore di emozione. Ringrazio gli amici per quella e per tante altre giornate trascorse sui monti, e soprattutto oggi rivolgo un caro pensiero ad Andrea, che qualche giorno fa ha lasciato all'improvviso la famiglia, gli amici, il suo paese, ad appena 51 anni. Mandi Pit!

Il libro di vetta della Zésta, 24 anni di storia

Il 17 ottobre scorso Corrado Menardi, del Cai e Cnsas di Cortina,  ha recuperato il libro di vetta della Zésta, rilievo del ramo ampezzano ...