09 gen 2012

Fra escursioni e arte: la cappella di San Salvatore ai Bagni

Un anno fa, risalendo la Untertal dai Bagni di San Candido, alla fine della valle trovammo una sorpresa: dopo trent'anni il vecchio Rifugio Baranci non c'era più, e aveva lasciato il posto al Rifugio Gigante Baranci: ad esso ho già dedicato un post fra i più "popolari".
Ieri le previsioni meteo davano "neve sulle creste di confine", e così, giunti a S. Maddalena in Casies e scartata l'idea di salire all'Aschtalm, immersa nella nebbia, nel nevischio e con visibilità quasi zero, siamo tornati al Rifugio Gigante Baranci, nostra classica meta invernale per la comodità e piacevolezza dell'accesso, che si raggiunge dalla strada statale fra San Candido e Sesto, passando per i diruti, un po' spettrali Bagni di San Candido.
San Salvatore ai Bagni, 9/1/2011
Poco oltre gli  edifici termali, una bella sorpresa!  Nella silenziosa Untertal, nel 1591 era stata costruita una cappella dedicata a San Salvatore, che dopo oltre quattro secoli versava in cattive condizioni (l'ho rilevato più volte, anche l'anno scorso).
Consacrata nel 1594, la cappella era legata a un eremo, soppresso nel 1786 da Giuseppe II d'Austria. Lo storia dice che già prima, però, nel bosco (posto a circa 40 minuti di cammino dalla strada carrozzabile) esistesse un piccolo luogo di preghiera, forse un luogo precristiano fatto risalire addirittura all'VIII secolo.
8/1/2012
Bene, tutto questo per dire che qualcuno si è dato da fare ed ha rimesso a nuovo la cappella, che ora finalmente gratificherà i visitatori. E' stato diradato il boschetto malamente cresciuto attorno ad essa, sono state sistemate e ridipinte le murature di bianco, la porta d'entrata è stata sostituita e chiusa.
Una serie di migliorie che andava fatta, per tutelare un suggestivo luogo di culto, il terzo fra quelli posti lungo le vie escursionistiche in alta Val Pusteria che frequentiamo; gli altri sono la cappella di San Silvestro al Monte presso la Malga omonima sempre a San Candido, e la Waldkapelle, tra il forte Mitterberg ed il Monte Elmo a Sesto.
Siamo contenti che si sia posto mano a San Salvatore ai Bagni, un luogo nel quale siamo passati già una dozzina di volte d'inverno e d'estate, rammaricandoci che quel grazioso edificio, nel ricco Sudtirolo, fosse lasciato alle intemperie e, perché no, ai vandali.

Croda Rotta, montagna da evitare?

E’ un rilievo, invero non molto ardito, che chiude a ovest lo sperone della Punta Nera verso Faloria: già il suo nome, Croda Rotta, funge d...