26 gen 2011

Fuori dalle tracce

Quando salgo a Pratopiazza, volgo sempre lo sguardo verso una cima poco nota e frequentata, perché priva di sentieri, da segnalare a chi ama l'alpinismo fuori dalle tracce, senza bolli né tabelle, in ambiente magnifico: la Ponta del Pin.
La Ponta emerge dalla dorsale che si allunga dalla Croda Rossa verso E, e la si può ammirare già da Cimabanche. Dal ramo che la montagna protende verso il Passo scende un crinale, in alto roccioso e sotto coperto di vegetazione, che limita in destra orografica la Val dei Canopi, storico punto di transito fra la Pusteria e Ampezzo.
La costiera si chiama Costa del Pin perché è rivestita da pini silvestri; l'elevazione che la domina, salita nel 1906 da alpinisti austriaci, pur non ospitando pini sulle sue pendici ha lo stesso nome, Ponta del Pin. Lungo il crinale della Costa corre il confine fra Veneto e Alto Adige, del quale - in mezzo a mughi inestricabili – volendo ci si può sbizzarrire a individuare i cippi.
Sulla Ponta si sale, faticosamente ma con impegno alpinistico non elevatissimo, da Pratopiazza, portandosi prima verso SW per prati e bosco, mirando quindi all´imbocco di un ghiaione che scende da un intaglio tra la Punta e lo sperone E. Per un corto, ma erto canale di blocchi, stando sulla destra si giunge ad una forcella presso un bell'arco roccioso. Girando ancora a destra, si continua sul fianco E per paretine, facili rocce e detriti con qualche ometto, che consentono di alzarsi, con delicatezza per la roccia friabile, fino all´anticima. Lungo la cresta un po´ esposta, in breve si è in vetta.
Salii per la prima volta la Ponta del Pin, ottima specola sul lato E della Croda Rossa e sul Picco di Vallandro, nel 1990. Ero documentato e incuriosito: mi guidava la breve descrizione che della salita fa Berti nella guida delle Dolomiti Orientali, e ne avevo parlato col figlio Camillo, che mi confermò di avere salito la Punta col padre negli anni '30 .
Da allora ho condiviso quella meta con diversi amici, per cinque-sei volte. Seguendo tracce labili e dimenticate, ho scoperto la magia di un angolo fra i più solinghi e meno calpestati delle Dolomiti, che ritengo meriti grande rispetto.
Da sinistra: Ponta del Pin, Croda Rossa, Crodaccia Alta, Piccola Croda Rossa
(da Pratopiazza, autunno 2009)


Punta Fraio, una cima senza vie?

Tra le cime che abbracciano Cortina, non tutte conosciute e frequentate allo stesso modo, ne risalta una, che secondo la guida delle Dolomi...