23 gen 2011

Torrione Ezio Culino dei Longerin, 1985


Al termine della via Bulfoni al Torrione Ezio Culino, con Paolo, 8 settembre 1985

Tutto accadde qualche anno fa, una domenica di settembre. Ero giunto da poco in paese, non conoscevo quasi nessuno e mi fu consigliato di far visita a Gianni che, come me, era un grande appassionato di montagna. Detto e fatto: recuperato uno zaino e un imbrago, l’indomani Gianni, Paolo ed io eravamo già in marcia per ... tentare una via nuova! Avevo fatto diverse salite, ma la via nuova era un’esperienza che ancora mi mancava. Ogni perplessità si sciolse subito, pensando che ero abbastanza allenato, solo una settimana prima avevo salito lo “Spigolo Dibona” sulle Tre Cime, e soprattutto mi stavo affidando a due rocciatori navigati ed entusiasti. La via nuova non ci riuscì: dopo un paio di lunghezze, fummo bloccati da una parete così friabile che avrebbe accettato fittoni più che chiodi, e a malincuore dovemmo scendere. Non era però tutto perduto: l’instancabile Gianni propose di consolarci, ripetendo una via del suo amico Marcello, su un torrione lì vicino. Dopo tanto cammino non potevamo sprecare la domenica, e quella via doveva essere simpatica! La parete costituì un’esperienza senza infamia né lode: dopo circa quattro lunghezze preferimmo slegarci e salire ognuno  per proprio conto sull’aguzzo torrione, che sorge al centro di un anfiteatro delizioso, allora a me ignoto. Per alcuni minuti respirai a pieni polmoni la gioia della scalata, della compagnia, del fatto che il mio “battesimo” alpinistico con gli amici di pianura si era svolto così in fretta e felicemente. La discesa fu quasi più complessa della salita, ma tutto si svolse come doveva e giungemmo allegri alla Malga per il “taiut” di rito. Ero al settimo cielo: avevo ripetuto una via di Marcello e proprio nel suo regno, le Crode dei Longerin. Ho rivisto la zona ancora alcune volte, l'ultima nel luglio 2010: il torrione su cui Gianni e Paolo mi offrirono la corda e l'amicizia per una salita in compagnia, ormai mi è familiare anche da lontano. Sono trascorse ormai venticinque stagioni, purtroppo!

Pala Perósego, dove non è difficile trovarsi soli

Settembre 2000: parto da solo dal Passo Tre Croci per andare a vedere come sia la Pala Perósego, cima di scarso rilievo che sorge al termin...